Pycon nove

firenze

19-22 aprile 2018

Validazione e decodifica di file XML con Python

Per la schematizzazione di documenti XML sono disponibili diversi standard, tra questi XML Schema. La prima problematica è quella di poter validare file XML secondo il loro rispettivo schema. Un’altra esigenza è la conversione dell’XML in strutture dati in cui siano valorizzati i tipi base definiti nello schema e la struttura nidificata in cui sono inseriti, similmente a quello che è già reso disponibile per JSON.

In ambito scientifico, nell’ambito delle attività del progetto europeo MaX (Materials design at the Exascale), per semplificare l’interscambio di dati dati XML tra diversi software di simulazione, si è deciso di adottare un approccio unitario e sistematico alla validazione e alla decodifica dei dati XML prodotti.

Pertanto è in fase di sviluppo una nuova libreria (xmlschema), basata sulla libreria standard ElementTree di Python, che permette di validare e decodificare dati XML con schemi XSD. La decodifica di un documento XML produce un dizionario nidificato con i valori terminali appartenenti ai corrispondenti tipi elementari.

Nella presentazione parlerei delle problematiche degli schemi XSD, dell’ambito scientifico in cui è stata sviluppata la libreria e della struttura della libreria stessa, illustrando e magari raccogliendo qualche idea per migliorarla.

in on sabato 8 aprile at 17:30 See schedule

Comments

  1. Gravatar
    Ciao Davide,
    ti ringrazio per il talk: è stato interessante scoprire come è nata xmlschema e quali sono i suoi punti di forza: volevo chiederti se le slide del talk fosse possibile trovarle da qualche parte, ne sarei interessato.
    Ti ringrazio,
    Mauro
    — mauro_esposito,
  2. Gravatar
    Ciao Mauro,

    le slide le ho caricate appena adesso sul profilo di questo sito, o in alternativa le puoi trovare al link https://speakerdeck.com/brunato/validazione-e-decodifica-di-file-xml-con-python.

    Ciao

    Davide
    — Davide Brunato,
  3. Gravatar
    Grazie Davide!

    m.
    — mauro_esposito,

Nuovo commento